This is not a cliché.

Ieri
Domani
08
Domenica,
08 Settembre 2019

Grazie nonna

La nuova cucina è come una potente macchina sportiva: bisogna saperla guidare e noi, giorno dopo giorno, stiamo entrando sempre più in sintonia con questo spazio completamente rinnovato. La passione per il mestiere è nata sfogliando il libretto di ricette che mia nonna teneva in cucina. Le sue frittelle rimangono per me non solo un ricordo indelebile ma anche un dolce squisito. Ho lavorato a più riprese qui in Casa e da tre stagioni sono al seguito dello chef Nicola nella Stüa de Michil. Non ho una predilezione particolare per un ingrediente, un prodotto, un piatto. Mi appassiono quando qualcosa stimola il palato: allora cerco di trattenere quel sapore, quella sensazione e di trasformarlo in un ricordo da far emergere in qualche lavorazione o creazione successiva. Penso di essere una persona semplice, provengo da un paese di campagna in provincia di Padova e so di essere ambizioso e autocritico nello stesso tempo. Mi piace porre l’asticella piuttosto in alto e se non riesco a superarla allora sono guai. Per me intendo, che mi ritrovo ad analizzarmi e a rimproverarmi per questo e quello. Forse è così che si va avanti, o no?


Nicolò, souschef della Stüa de Michil