This is not a cliché.

Ieri
Domani
Ogni giorno una storia
12
Martedì
12 Gennaio 2021

Il nodo dell’infinito

Dolomiti, Tibet. C’è un legame fra i mondi che rappresentano il nostro mondo, che è molto più profondo di quanto si possa immaginare. Anche se oggi la tendenza è quella di innalzare di nuovo i muri dell’egoismo, c’è un fluido ininterrotto di positività che scavalca barriere e si perpetua in ogni dove. Per questo abbiamo scelto come logo della nostra fondazione il nodo dell’infinito che nel buddismo tibetano simboleggia la promessa, l’unità tra compassione e saggezza infinita, cioè senza inizio né fine. Noi siamo persone, custodiamo valori e aspirazioni che vanno oltre le istituzioni, le regole e i luoghi di appartenenza, anche se rappresentano le nostre radici, perché siamo esseri umani ovunque ci troviamo. Siamo natura e coscienza. Siamo come fili interconnessi fra loro e, secondo una visione tipicamente buddista, questi fili indicano che tutta la coscienza nell’Universo è connessa, e che perciò siamo un tutt’uno. Siamo quindi tutti collegati, non perché navighiamo in internet e interagiamo sui social. No, perché siamo semplicemente persone che appartengono tutte a un unico mondo. Anche se non sembra visto come vanno le cose...