This is not a cliché.

Ieri
Domani
Ogni giorno una storia
10
Martedì
10 Novembre 2020

L’anestesia dello sguardo

È vero, viviamo in un eccesso di visibilità che anestetizza il nostro guardare stesso. E in questo eccesso la facoltà di percepire e vedere il mondo si frantuma in migliaia di frammenti che evaporano nello stesso momento in cui si espongono nei canali sociali-globali. Oggi, per riacquistare un minimo di facoltà visiva, è necessario coniugare l’arte del vedere con l’arte della memoria. Fermarsi, respirare, osservare. E stabilire un nuovo accordo fra occhio e mente, tra pensiero e immaginazione, tra percezione e memoria.