This is not a cliché.

Ieri
Domani
Ogni giorno una storia
10
Oggi
10 Novembre 2019

Anche se siamo in due, ci facciamo in tre

Barista, barman o bartender? Senza peccare di blasfemia siamo uno e trini, nel senso che dietro al bancone sappiamo interpretare ogni ruolo che il nostro lavoro richiede. E dato che abbiamo anche dei turni, ecco che dobbiamo per forza possedere tutte le conoscenze necessarie per servire un buon caffè, un cappuccino, un cocktail fatto ad arte. Quindi al mattino siamo dei baristi, perché serviamo prevalentemente caffè, cappuccini e tutte le bevande tipiche dei bar diurni. Possiamo trasformarci anche in Milk Artist, perché siamo in grado di disegnare delle figure particolari sul cappuccino utilizzando la schiuma del latte o in Coffee Art Specialist perché manipoliamo il caffè, il latte e una serie di altre materie prime per creare delle bevande a base di caffè piuttosto elaborate. Nel pomeriggio e fino all’ora del tè rimaniamo baristi, appena cala la sera però ci trasformiamo in barman, ovvero specialisti della notte in grado di preparare, allestire e offrire cocktail e bevande che vengono consumate dall’aperitivo in poi. Infine, ci sentiamo di appartenere anche alla categoria dei bartender perché abbiamo una conoscenza molto approfondita delle materie prime e selezioniamo gli ingredienti e sappiamo fare l’analisi organolettica delle bevande distinguendo un prodotto di qualità da uno semplicemente di marca. Quindi, dalla mattina alla sera inoltrata stia tranquillo caro ospite, con noi è sempre in buone mani.

Stefano e Antonio, baristi, barman e bartender del Bar Bistrot