This is not a cliché.

Ieri
Domani
Ogni giorno una storia
03
Domenica
03 Maggio 2020

L’albero degli zoccoli

Oggi guardiamo un film. Uno di quei vecchi film che toccano il cuore. Uno di quei vecchi film che raccontano storie dimenticate e indimenticabili. Uno di quei vecchi film che parla di un’Italia che non c’è più, che abbiamo smarrito per stoltezza e dabbenaggine. Uno di quei vecchi film che parla di noi, di come eravamo, nemmeno troppo tempo fa. Siamo nella campagna del bergamasco, fine Ottocento. La vita quotidiana dei contadini e della natura che li circonda si esprime attraverso il lirismo magico della semplicità. A dirigerla con la consueta maestria e immancabile poesia è Ermanno Olmi, nato proprio nella città così duramente colpita dal virus. La sua instancabile attenzione verso gli umili, gli ultimi, la sua naturale predisposizione al territorio, alle tradizioni, alle radici lo affiancano a un altro grande interprete del cinema italiano, Pier Paolo Pasolini. Come il regista friulano, Olmi spesso è non solo il regista, ma anche operatore e montatore delle sue opere. Con questo film si aggiudica il David 1979 per il Miglior Film, la Palma d'oro e il Premio della Giuria Ecumenica al Festival di Cannes 1978. Dedicato alle vittime di Bergamo.