This is not a cliché.

Ieri
Domani
Ogni giorno una storia
31
Domenica
31 Maggio 2020

Amici di vino

Oggi parliamo di un gran vino. Ma non solo di quello. Parliamo di una grande terra, conosciuta come la conca d’oro. Ma c’è ancora di più. Siamo a Panzano, nel Chianti. Ma non basta di nuovo. Quello che vogliamo raccontare in pochissime parole ha a che fare con una grande famiglia e una grande amicizia. La famiglia si chiama Manetti e l’amico ha per nome Giovanni, che da anni ci viene a trovare in estate e in inverno. Ecco, adesso possiamo iniziare. Giovanni ha la passione per il vino, ma soprattutto ha un’ambizione: creare un vino solo con uva Sangiovese. Un 100% Sangiovese che deve diventare massima espressione del territorio in cui nasce. Così va alla ricerca di una vigna che possa fare al caso suo. E la trova vicino a una antica chiesa, la pieve di San Leolino situata in prossimità della conca. Stiamo parlando di Panzano nella zona di Greve, con quello spettacolare anfiteatro di vigne adagiato sulle colline. Che meraviglia. Una volta trovata la vigna Giovanni cerca l’enologo. E che enologo, stiamo parlando di mister Sangiovese in persona, vale a dire Franco Bernabei. Il risultato è a dir poco sorprendente, al punto che l’annata 2016 ottiene i cento punti Parker, che non sono la nuova collezione del supermercato del paese, ma uno dei massimi riconoscimenti in ambito enologico internazionale. Abbiamo quasi finito, ultime tre cose. La prima riguarda il nome: Flaccianello deriva da Flaccianus, capo del villaggio di Pagus, così si chiamava Panzano in epoca romana. La seconda si riferisce al simbolo della croce in etichetta: si tratta della croce dorata che si trova nell’antica pieve che benedice questa conca fortunata. La terza ma non meno importante è che la produzione del vino è del tutto biologica e che la cantina si chiama Fontodi. E per chiudere in bellezza, ogni stagione in Casa organizziamo una Flaccianello night in cui stappiamo una bottiglia magnum e andiamo in giro per la sala a dispensare bicchieri di questo nettare squisito. Giulan Giovanni.

Michele, head sommelier