This is not a cliché.

Ieri
Domani
27
Giovedì,
27 Giugno 2019

Les Stües stories

Accade che una coppia tedesca, un po’ in là con gli anni, litighi.
La domanda sorge spontanea: si può litigare ancora dopo tanto tempo?
Lui si alza dal tavolo e se ne va salutando, prima formalmente,
auf Wiedersehen, e poi come se gettasse un salvagente: Tschüss.
Lei dopo un po’ si risveglia, esce dalla sala e intorno sale un po’ di malinconia.

Accade che una signora americana chieda un bicchiere di vino bianco.
Eccola servita. Il vino non piace; con solerzia, eccone un altro.
Sarebbe bello poter assaggiare quel vino rifiutato. Per capire di più come va il mondo.

Accade che qui, in queste Stues colorate,
tutto rasenti la perfezione, la leggiadria, l’incantesimo.
Anche se le persone litigano, fanno i capricci.
Anche se il più delle volte si amano, e sono capaci di sorridere.

Accade che la perfezione, o quel rimasuglio che rimane di essa,
appartenga più alle persone che qui lavorano,
donne e uomini, ragazze e ragazzi, che agli ospiti.

Accade, però, che per una volta qui in queste stanze
i cellulari non facciano capolino sui tavoli.
E, come d’incanto, appare una meravigliosa tarte tatin.
Così all’improvviso il cuore, in assoluto silenzio, canta di gioia:
Osanna nell’alto dei cieli!