This is not a cliché.

Ieri
Domani
29
Sabato,
29 Dicembre 2018

Voglio bene a questa Stüa

Guardo le stoffe, i candelabri, le piccole tende ricamate, i cristalli, i fiori sempre freschi, gli intarsi nel legno, gli oggetti dal sapore antico, i quadri che sembrano reliquie, i cuscini, le posate, i piatti, le tovaglie, le sedie con il velluto e gli schienali avvolti in candidi tessuti, i cassettoni. E poi guardo le bottiglie, perché il mio sapere è legato al vino come la foglia alla vite. La Stüa de Michil ricavata da due stuben del 1600 fedelmente e sapientemente reinstallate è diventata un po’ la mia Casa. Da quando ne sono responsabile la sento un po’ mia non in senso possessivo, piuttosto affettivo. Voglio bene a questa Stüa che quando riposa, si crogiola in una penombra silenziosa e ovattata. E che quando si anima di ospiti s’illumina di squisitezze.