Il fascino di questo posto
non sta in quello che c'è
ma in quello che manca.

This is not a cliché.

Luglio 2014

L M M G V S D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Ieri
Domani
08
Martedì,
08 Luglio 2014

Kings of Pain

Come la sofferenza, la tenacia, la caparbietà si trasformano in stile.
Anno di grazia 2004: Rapha si palesa al mondo con la campagna Kings of pain, un’autentica celebrazione degli eroi del ciclismo passato, della loro capacità di soffrire pur di raggiungere il traguardo. E’ questa forza di volontà sprigionata da autentici eroi del pedale come Coppi, Magni, Anquetil, Merckx che ispira da sempre lo stile creativo di Rapha. 
Per commemorare l’anniversario l’azienda inglese ha creato una speciale collezione che è possibile ammirare all’interno della nostra Lounge. E, tra i tanti aneddoti che hanno trasformato il ciclismo in uno sport leggendario, ne vogliamo ricordare uno in particolare che forse non tutti conoscono e che ci riguarda da vicino. Siamo nel 1940 e in Italia si corre l’ultimo Giro prima che la guerra cancelli ogni cosa. Un giovanissimo Fausto Coppi, allora ventenne è inaspettatamente maglia rosa. Il suo capitano, un certo Gino Bartali, nonostante il giovane gli stia usurpando il trono, decide di trasformarsi in gregario e dare una mano decisiva all’astro nascente. Il ragazzo è in piena crisi sul Pordoi, che all’epoca era una vetta ardua da superare, una montagna che chiedeva tutto ai corridori: il fondo sterrato, le biciclette pesanti, l’assistenza tecnica approssimativa rendevano la scalata difficile e selettiva. Freddo, neve, stanchezza: il ragazzo vuole abbandonare la corsa. Ma Ginettaccio non è d’accordo e oltre a sferzarlo con parole dure, dandogli dell’acquaiolo che in toscano vuol dire mezzacalzetta, lo rinfresca con la neve fresca. Memorabile. Alla fine di una tappa a dir poco sofferta, Coppi conserva la maglia e infine vince il Giro. Ancor oggi è il più giovane corridore di sempre ad aver vinto la corsa. Ma un grazie lo deve al toscano indomabile che, grazie alla sua tenacia, gli ha permesso una simile impresa. Un vero King of pain il toscano. Uno dei più grandi. #kingsofpain

Francesco Ricci