This is not a cliché.

Ieri
Domani
29
Giovedì,
29 Agosto 2019

Tutta la montagna del mondo

Il cammino in montagna è un grande dono. Passo dopo passo ci distacca dal reale per entrare in quel mondo alpino in cui è possibile considerare le situazioni marginali o anche quelle estreme della vita e ritrovarsi in una dimensione di libertà e pace, d’amore tra ogni forma di realtà e vita, capace di porre in dialogo differenti culture. Sulle Dolomiti, in Tibet, sulle Ande, nei Pirenei, alle pendici del monte Olimpo, sul Kilimangiaro, sulle Alpi o sul Monte Kinsley, nei Tassili degli Adjer o nei monti dell’Atlante, ovunque la terra inizi a salire è possibile scoprire il significato spirituale in tutto ciò che è naturale: dai fiori coloratissimi delle nostre Dolomiti alla laboriosità frugale delle comunità montane della cordigliera.

Oggi le montagne si trovano di fronte a un inesorabile bivio: diventare una provincia della pianura, come di fatto sta già avvenendo da decenni, e nella migliore ipotesi un parco-museo a uso dei cittadini, oppure inventare e sperimentare un modello di sviluppo che sappia conciliare la difesa dell’ambiente con le ragioni dell’economia, la specificità alpina con il turismo, la tradizione con la modernità. Il futuro di tutte le montagne del mondo, perciò il nostro futuro in quanto abitanti di questo pianeta, dipende solo se sapremo percorrere con lungimiranza e intelligenza la seconda strada. Avanti, mettiamoci in cammino.